19 Giugno 2017

Milo

Posted in Poesie Pè Campà

Milo ride sempre,
sta là e ride.
C’ha er soriso fisso,
si poi je disci quarcosa,

Milo ride sempre,
sta là e ride.
C’ha er soriso fisso,
si poi je disci quarcosa,


puro per esempio
come stai,
lui te disce
bbene
ridenno.
Mica ride perché
è scemo.
No no.
Lui legge tanto.
Jeri me riccontava
de li Malavoja.
L’artro mese ‘nvece de
Fontamara.
Io nun leggo,
ma lui me ricconta
ogni ggiorno
quello che lui ha letto
er ggiorno prima.
All’ora d’aria se mettemo
su li scalini
e ppe’ diesci o quindisci minuti
me ricconta.
E’ calmo Milo,
mentre ricconta
e soride.
E io me domanno sempre
come mai ha ammazzato
la moje.
Vent’anni fa.
La fija lo viene a trovà,
‘na ragazza minuta
coll’occhiali,
‘na vorta ogni tanto.
Cor cortello:
ma te sce lo vedi Milo
cor cortello?
‘Na vorta me riccontò
de Polifemo
che ammazza l’amisci
de Ulisse.
Se mise a piagne,
cor soriso,
ma stava a piagne.
La fija è avvocato,
la moje insegnava
alle elementari,
Milo era bidello.
Se conobbero là.
Nun furono corna,
e nemmanco fu
ppe’ sordi.
Er movente nun lo sa
nisuno,
perché Milo nun lo seppe di’
a nisuno.
Solo a me
‘n giorno
me rivelò
quarcosa.
“Ho ‘mparato a ride,
ppe’ nun disperamme.
Si nun rido, senzazzioni
e diavolerie me vengheno
drentro.
Mi moje m’aveva solo rimproverato
in malo modo, perché avevo camminato
dove aveva lavato co’ llo straccio.
E vent’anni fa ‘sto soriso
nun era ancora perfezzionato.
Starò qui ancora a lungo,
pure te, amico mio,
starai qua a lungo.
E la bibblioteca c’ha
‘n sacco de libbri.
Te va si te ’nsegno a legge?”
‘nzomma Milo, me disse ‘ste cose.
Mò me sta a ‘nsegnà a legge,
o mejo me lo sta a ricordà,
perché m’ero scordato tutto.
Annamose a sedè a lli scalini,
mò viè Milo,
sta a legge li Promessi Sposi,
semo arivati alla Peste.
Brutta cosa la Peste.