19 Giugno 2017

Mi’ zio

Posted in Poesie Pè Campà

Mi’ zio disce che c’ha du fiji,
uno bono e l’antro cattivo.
Ma ppe’ di’ la verità sce n’ha sortanto uno.

Mi’ zio disce che c’ha du fiji,
uno bono e l’antro cattivo.
Ma ppe’ di’ la verità sce n’ha sortanto uno.


Disce poi che je rubbeno er caffè a casa:
la polizzia je farebbe visita e je lo frega.
A vorte va a magnà da mi nonna che je compra
le sigarette e er bijetto dell’auto.
Oppure va alla caritas a magnà, una vorta
c’andò co’n carello de la spesa
pe’ ffà la scorta de ‘na settimana.
Quanno morì er padre scoppiò a piagne
e je volle toccà er naso freddo.
C’ha pure du’ moji, sce dice, una bona
e l’antra cattiva.
Mi’ zio ride sempre quanno me vede,
coll’occhi crepati da pensieri molli,
che nun so’ veri pe’ nessuno,
e me ricconta tutte ‘ste cose. Io l’ascorto
e je dico de si, je sorido.
Armeno così è contento
e me ffa ‘na carezza.