19 Giugno 2017

La Verità

Posted in Poesie Pè Campà

Me piasce sta qui, a ‘st’ angolo de strada
così scruto sia er libbraro che Giggi er fioraro.
Sto co’ lle mano dietro la schiena...

Me piasce sta qui, a ‘st’ angolo de strada
così scruto sia er libbraro che Giggi er fioraro.
Sto co’ lle mano dietro la schiena...


pe’ incute terore, così me rispetteno.
Puro si piove, io sto qua
a ‘st’ angolo de monno.
Puro si a mezza matina
me doleno sempre le gambe.
Er libbraro, ecchelo là che parla
co’ Anna la sdentata,
je vole rifilà un libbraccio d’amore.
Io lo guardo male,
co’ ll’occhi a fessura
e le mano sempre de dietro.
Lui lo sa bbene che lo scruto,
lo miro e lo stramaledico.
E Giggi che venne du’ fiorellini
come fossero diesci a Sergio er guercio,
ch’è pure mezzo matto e je piasce
a fija der libbraro,
che c’ha trent’anni.
A Se’, je dico qanno passa qua,
c’hai ottant’anni com’ a mme,
lassa perde er libbraro,
lassa stà la fija,
lassa stà ‘sti fiori.
A Serge’, mettete qua
a ‘st’angolo inzieme a mme,
scrutamo tutti
co’ lle mano dietro.
Commentamo, famoje capì che noi
conoscemo la Verità, portamo proprio
questa, capisci, la Verità.
E si piove, nun te preoccupà,
c’ho ‘n ombrello grande.