19 Giugno 2017

La pratica der gatto

Posted in Poesie Pè Campà

Ieri un gatto nero
coll’occhi gialli
a pelo lungo
pure un po’ griggio
e roscio, è passato...

eri un gatto nero
coll’occhi gialli
a pelo lungo
pure un po’ griggio
e roscio, è passato...


sotto la finestra
de casa mia.
Se guardavamo
da pochi metri
occhi nell’occhi.
Nun se fidava de me,
penzavo,
a me ‘nvesce ‘sto fatto
de la fiduscia
nun me toccava.
E’ rimasto fermo
boni scinque minuti
a fissamme,
bello come er gatto
de ‘na strega,
penzavo.
Poi l’ho vista
la strega
dall’arto de la montagna
stava a venì
volanno co’ la scopa.
Scese a ttera:
“Che stai a ffa’ qua?
    •    rimproverò er gatto -
A da’ fastidio ar zignore?
Lo scusi –me disse–
Sta a cercà de ipnotizzà
 l’esseri viventi,
deve ffà pratica,
ma co’ le perzone
è diffiscile!
Lo vedi che er signore
sta lì tranquillo
a la finestra
a fumasse er sigaro?
Te pare ipnotizzato?
Devi comincià
co’ l’uscelletti
e li gattini,
che so’ più manipolabbili.
Lo scusi tanto.”
Poi mise er gatto
su la scopa,
sce salì pure lei
e volarono via
verzo la montagna.
“No, ma er gatto
nun m’ha dato fastidio,
signora… strega,
anzi…”
Ma era già volata via…