19 Giugno 2017

La guera all’arte

Posted in Poesie Pè Campà

Stavamo a ffà le prove de ‘no spettacolo
serio e pien de talento, quanno
in sala un grosso gabbiano entrò....

Stavamo a ffà le prove de ‘no spettacolo
serio e pien de talento, quanno
in sala un grosso gabbiano entrò....


Co’ le zampe pe’ tera nun parlava
stava fermo e sce fissava.
All’improvviso urlò come ‘n grido de guera.
Noi scappammo nell’artra sala.
“Vedrete”, disse er reggista, “che presto uscirà
da dove è entrato, da la finestra.”
Aspettammo per un po’, poi con impeto
Marcolino aprì la porta e noi de dietro
armati de scope e de ssedie!
Mò c’ereno sette gabbiani come attori,
che sce fissaveno come pitoni,
un nido enorme sopra ‘n tavolo
e un po’ de guano pe’ scenografia.
Er grido de guera se mortiplicò pè sette,
come sette tromme scordate,
come sette raji de mulo,
come ll’orco che se magna le pecore.
“Scappamo!”, urlò er reggista.
De corza sartammo da la finestra,
era ‘n piano tera,
mentre li gabbiani rideveno,
se sganasciaveno la mandibbola.

Lo spettacolo serio e pien de talento
nun se fesce.