19 Giugno 2017

L’OvarOlo

Posted in Poesie Pè Campà

Tutti chiamaveno mi nonno
l’Ovarolo e c’era rispetto,
perché ingrandiveno la O de mezzo:

Tutti chiamaveno mi nonno
l’Ovarolo e c’era rispetto,
perché ingrandiveno la O de mezzo:


OvarOlo.
Doppo che tornò da la guera in mare
je diedero pe’ campà un banchetto
de ova. Ecch’er perché de ‘sto nome.
Mi nonno era un bell’omo e furbo
ch’aveva puro fatto er puggile.
Ma mi nonno a quer banco
nun c’è mai stato:
mò ch’è morto
mi nonna m’ha riccontato ‘a verità:
“Tu nonno annava in giro a venne,
c’aveva da fa co’ l’impicci pe’ Portaportese.
Me costringeva a sta cor culo
sulla ssedia tutt’er ggiorno,
co’ ste ova maledette.
Io m’ero sposata a disciott’anni
pè sfuggì ar bare, n’do’ lavoravo
quindisci ore ar giorno.
E mò me ritrovo pe’ strada a venne le ova?
Quanno fui incinta der terzo fijo,
doppo tre anni de ova,
ecco c’ho fatto: un giorno l’ho pijate
e l’ho vennute tutte ar fornaro de fronte.”

Dunque se semo sempre sbajati,
l’OvarOlo era mi nonna.