19 Giugno 2017

L’epitaffio de Enzo

Posted in Poesie Pè Campà

Volevo scrive un libbro pe’ raccontavve la vita mia.
Ma ch’ho fatto de così ‘mportante, da scrivelo?
‘Na vorta ho sarvato ‘n cane che affogava, m’ha pure....

Volevo scrive un libbro pe’ raccontavve la vita mia.
Ma ch’ho fatto de così ‘mportante, da scrivelo?
‘Na vorta ho sarvato ‘n cane che affogava, m’ha pure....

morzo. Se chiamava Duilio, ‘n meticcio nero.
‘Na vorta ho fermato ‘no scippatore,
co’ ‘r casco de la moto.
Je l’ho dato ‘n testa. E’ svenuto poraccio.
‘Na vorta, ‘na vorta, ‘na vorta.
Ho fatto ‘n sacco de cose,
artre pure ordinarie,
la maggior parte,
come quanno ho accompagnato er vicino de casa
a fasse ‘na visita. C’aveva er piede ‘ngessato.
Ma nun me va, ‘n verità, de scrivele ‘ste cose.
Ve le ‘sto a di’ qua, tra amisci,
mentre se bevemo ‘na biretta, un vinello,
mentre te fumi e quello se leva la zella
da sotto le unghie.
Domani annamo ar mare a pescà?
Danie’, te c’hai la barca, che dici?
Mario, Gianni, voi che ddite?
A me me piascerebbe tanto.
Andrei a pescà pure senza verme,
senza lenza, senza canna.
Io andrei in barca pure senza barca.
Io me n’andrei ner mare senza mare.
Ve vojo solo di’, amisci miei,
che ho fatto ‘n sacco de cazzate in vita mia,
‘na vorta ho pure dato un cazzotto a mi moje,
e ancora me guardo ‘sta mano ppe’ la vergogna.
Ma ho cercato de ffa’ sempre er mejo possibbile,
ho cercato de nun fa du’ vorte lo stesso erore.
C’ho provato seriamente.
Forze questo potrei scrive,
sulla tomba mia,
quanno moro.
Enzo Mattei
Nato a Roma eccetera eccetera:
“cercò co’ tutt’er core
de nun fa’ du’ vorte lo stesso erore”.