19 Giugno 2017

Er ghiaccio ‘n bocca

Posted in Poesie Pè Campà

Me dii quattro sarciccette oggi, và,
che io e mi marito se dovemo rimette, eh!
Da che? Embè iersera semo iti a vedè la fija de mi fijo,

Me dii quattro sarciccette oggi, và,
che io e mi marito se dovemo rimette, eh!
Da che? Embè iersera semo iti a vedè la fija de mi fijo,


quella granne, si, Annachiara.
Sa, ffa l’attrisce, anche se c’ha er naso de la madre,
e co’ quer naso, resti tra noi, nun la poi ffà.
Inzomma comincia lo spettacolo,
e ‘sta nipote c’ha er ghiaccio in bocca.
Prova a parlà, a dicce quarchecosa,
ma nun poteva fasse capì,
e er ghiaccio je cascava pe’ tera
e più je cascava, più lo riccojeva
e se lo rimetteva in bocca.
Quann’ebbe finito,
ormai era tutta acquetta,
ed erano passati boni venti minuti,
s’avviscinò alla prima fila e se spojò tutta,
co ‘sti occhi che je guardaveno verso l’infinito,
come se se sentisse d’esse ‘n attrisce Attrisce.
C’ha du’ occhi spenti, pora fija,
come quella fanatica de la madre.
E mentre un attore maschio, che intanto era entrato,
se tirava er coso de fori
pe ffà nun vojo sapè che a Annachiara,
mi marito s’entese male e uscimmo subbito dar teatro…
me ne dii pure ‘nartra de sarciccia,
che la metto pure ner sugo.