19 Giugno 2017

Edo

Posted in Poesie Pè Campà

Si c’avessi un giardino ce metterei li fiori,
ma nun saprei quali, io fo er libbraro.
Si c’avessi una libbreria mia,

Si c’avessi un giardino ce metterei li fiori,
ma nun saprei quali, io fo er libbraro.
Si c’avessi una libbreria mia,


la riempirei de libbri gialli,
ma ar principale mio je metteno angoscia.
Si c’avessi una strada la intitolerei ar cane mio
che è morto anni fa annegato ner fiume.
Si potessi cantà ‘na canzone farei ‘na serenata,
ma Sara s’è sposata e io gracchio come ‘na rana.
Si in libbreria c’avessi coraggio,
darei spazzio a li libbri gialli,
pe’ conzijalli a chi entra,
ma la libbreria è de Giorgio e Giorgio nun sò io.
Io me chiamo Edoardo,
pe’ l’amisci Edo, pe’ li nemisci Ardo,
ma nun c’ho nemisci,
nessuno vole male a li commessi.
Oggi me so’messo ‘na camiscia nera,
perché sfina e io sò ciccione
e a Sara nun je piace la ciccia mia.
E’ venuta in libbreria prima e m’ha chiesto
si per caso m’era morto quarcheduno...
Domani me metto ‘na camiscia bianca.
Si c’avessi un giardino forze invece
me ripijerei ‘nartro cane,
speranno che nun s’affoghi
e che me voja bene.
Edoardo, me chiamo,
pe’ l’amisci Edo.
C’ho du’ bijetti gratis per il cinema,
c’è un bel film de genere giallo,
dicono sia bello,
chi vole venì?