19 Giugno 2017

Bonanotte

Posted in Poesie Pè Campà

Ar buio c’ho paura.
De ggiorno nun ce penzo
e si ce penzo ce rido sopra...

Ar buio c’ho paura.
De ggiorno nun ce penzo
e si ce penzo ce rido sopra...


Ma de notte, ar buio,
vedo quer ragazzo
che se ‘mpiccò
e che conoscevo.
O sento salì da le scale,
scricchiolii,
er serial killer.
Si chiudo l’occhi poi,
li mostri me passeno accanto
e li sento alitamme addosso.
Allora accenno la luce,
me guardo ‘ntorno,
er cane dorme,
beato lui.
Vado ar bagno
anche si nun me scappa,
vado ‘n cucina
anche si nun c’ho fame.
Vado ‘n barcone
anche si nun c’ho gnente
da guarda’.
Nun me capita sempre,
anzi spesso dormo bene.
Ma arcune vorte,
come adesso,
penzo alla Morte,
che morirò e che morirete,
allora forze m’empressiono.
Oppure penzo a tutto quello
che nun sapemo.
Alle infinità,
alle immenzità
de lo Spazzio.
E tutta ‘sta robba diventeno
drentro de me
mostri,
vampiri,
suicidi.
Poi de giorno
sce rido
e me sce cojono…
…ma ormai ho cenato,
me sò lavato li denti,
er cane già dorme,
la giornata è ffinita,
è bbuio.
Me devo annà a coricà…
Che artro posso ffà?
Che me posso ‘nventà?
Gnente.
Bonanotte…
…er sole sorge tra sette ore…
nun manca tanto…